Comune di Villa Sant'AntonioComune di Villa Sant'Antonio

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito



Sezioni del sito:

Vai su


Contenuti

Territorio

Parete rocciosa

 

Il territorio è prevalentemente collinare e ricco di sorgenti; dal punto di vista geologico si formò nel periodo miocenico dell’era terziaria quando grandi strati di arenarie, di marne, argille e calcare lentamente si sollevarono dal mare imprigionando nel loro interno banchi di molluschi, crostacei e valve di conghiglie. "Il Miocene della Sardegna, riferisce Ida Comaschi Caria in una sua pubblicazione, presenta grande interesse dal punto di vista paleontologico in quanto è abbondantemente fossilifero tanto nelle argille quanto nelle marne, nelle arenarie, nei calcari e subordinatamente nei conglomerati; essi vanno dai foraminiferi alle spugne, ai coralli, ai briozoi, ai brachiopodi, agli echinodermi, ai lamellibranchi, ai cefalopodi, ai crostacei, ai pesci, ai rettili, quindi un pullulare di vita..."

Alla fine del Terziario le colate laviche fuoriuscite dalle due bocche di Zeppara Manna e Zepparedda della Giara si riversarono sulle dolci colline di arenaria e di calcare trasformando il territorio; esso venne ulteriormente modellato dopo le erosioni e i crolli del periodo Pleistocene per cui il terreno si presenta ancora oggi con un misto di zone di calcare.

La restante parte del territorio è invece coperto da una fitta macchia mediterranea, nella quale crescono rigogliosi anche lecci e sughere. Lungo la valle del rio Imbessu, che scorre in una profonda gola, si trova una lussureggiante vegetazione riparia fatta di ontani, salici e tamerici.

 
Home | Elenco Siti Tematici | Note Legali | Privacy | Mappa del sito | Contatti | Credits | ConsulMedia 2010 | © Comune di Villa Sant´Antonio - Tutti i diritti riservati

Vai su