Comune di Villa Sant'AntonioComune di Villa Sant'Antonio

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito



Sezioni del sito:

Vai su


Contenuti

Stemma e gonfalone

Stemma e Gonfalone

 

Lo Stemma del Comune di Villa Sant’Antonio, approvato dal Consiglio Comunale con atto deliberativo n. 36 del 27 ottobre 2014, dopo attenta valutazione da parte della Commissione Araldica, presso la presidenza del Consiglio dei Ministri, ha ottenuto, con Decreto del Presidente della Repubblica del 23 febbraio 2015, il riconoscimento ufficiale tra gli emblemi araldici dello Stato. Lo Stemma del Comune di Villa Sant 'Antonio risulta pertanto inserito nel Registro araldico dell' Archivio Centrale dello Stato.

La rappresentazione del simbolo, trova motivazione nelle consistenti preesistenze archeologiche, che si intendono rappresentare, in modo figurativo, attraverso il Ceppo d 'albero radicato, quale elemento astratto da cui trarre origine. L' essenza arborea scelta per rappresentare il Ceppo d' albero radicato, è il Leccio (Quercus Ilex), particolarmente diffuso nel nostro territorio con formazioni spontanee ed esemplari secolari. Le sue caratteristiche, spiccatamente xerofile, cioè amante degli ambienti secchi, gli permettono di sopportare lunghi periodi di aridità, grazie al poderoso apparato radicale. Pertanto tale elemento, va inteso come forte radicamento e capacità della popolazione locale di adattarsi anche in presenza di accentuate difficoltà ambientali e geomorfologiche del territorio. La dicitura “Testis Temporum”, posta esternamente alla base inferiore dello Stemma, rafforza il significato del Ceppo quale testimonianza del tempo.

La scelta del Virgulto, sempre astrattamente, intende rappresentare la nascita della nuova Comunità, che già nei primi del 1700 si costituì a seguito del ritrovamento di un simulacro rappresentante Sant' Antonio Abate, da parte di alcuni boscaioli, i quali decisero di edificare l 'attuale chiesetta dedicata al medesimo Santo nostro Patrono. Con atto notarile del 9 giugno 1720, la nuova Comunità fu ufficialmente inserita tra i villaggi della Baronia di Senis, con il nome di Villa Sant' Antonio de Funtana Coberta.

La banda d 'azzurro ondulata, posta nella parte inferiore interna allo Stemma, vuole rappresentare l' acqua, elemento essenziale della vita. 

  • Stemma: D 'argento, al ceppo d' albero, reciso in sbarra, al naturale, munito di virgulto di verde, posto in palo, sfogliato dello stesso, sette foglie a destra , sette a sinistra, una sulla sommità; esso ceppo accompagnato in punta dalla fascia diminuita, ondata, di azzurro. Sotto lo scudo, su lista bifida e svolazzante di argento, il motto, in lettere maiuscole di nero, TESTIS TEMPORUM. Ornamenti esteriori del Comune.
  • Gonfalone: Drappo partito di azzurro e di bianco, riccamente ornato di ricami d' argento, e caricato dallo Stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoni argentati. L' asta verticale ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati , con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d 'argento.

L' Amministrazione comunale di Villa Sant' Antonio ha presentato alla cittadinanza il proprio Stemma araldico e Gonfalone, quale segno distintivo dell' identità e del radicato sentimento di appartenenza alla Comunità e al territorio. La Cerimonia si è svolta il 10 aprile 2015, alla presenza del Prefetto di Oristano Dott.ssa Dessì (vicario), del vice-Presidente della Provincia Dott.ssa Mariella Pani, e del Dott. Matteo Muntoni, capo di Gabinetto dell’Assessore regionale agli Enti Locali Dott. Umberto Erriu.

 
Home | Elenco Siti Tematici | Note Legali | Privacy | Mappa del sito | Contatti | Credits | ConsulMedia 2010 | © Comune di Villa Sant´Antonio - Tutti i diritti riservati

Vai su